STUDIO VILLANOVA D'ASTI di Coppola Roberto

Elenco news

Chi siamo > Elenco news

Vendere una casa ereditata: Documenti necessari

09/04/2021 Autore: Elisabetta Trimboli

Avere una seconda casa comporta molteplici spese dettate da ristrutturazioni, lavori di mantenimento, tasse e spese per le utenze. Per questo motivo spesso quando si eredita un immobile conviene venderlo.

Tale circostanza oltre ai soliti documenti da presentare al notaio per la predisposizione del rogito, prevede la necessità di fornire ulteriori documentazioni atte a confermare la titolarità regolare di chi vende la casa e che il bene, sia in regola con il pagamento delle tasse e delle imposte legate al suo trasferimento mortis causa.

 

I documenti di successione

Dal momento in cui si eredita una casa non se ne diventa automaticamente proprietari, infatti l’eredità trasmessa da un defunto va accettata.

Con l’accettazione, il chiamato a succedere acquista il diritto sull’eredità e assume la qualità di erede con effetto dal giorno dell’apertura della successione.

Secondo l’articolo 480 c.c. l’accettazione si prescrive nel termine di 10 anni dall’apertura della successione e in base a quanto previsto dagli articoli 475 e 476 del codice civile, può essere tacita o espressa.

 

  • Accettazione espressa: Quando il chiamato all’eredità manifesta questa volontà in un atto pubblico o in una scrittura privata

  • Accettazione tacita: Quando, anche in assenza di una dichiarazione esplicita, si compiono atti che presuppongono la volontà di accettare l’eredità. Per esempio vendendo l’immobile ereditato. In questo caso, al momento del rogito il notaio deve rendere formale l’accettazione dell’eredità con la sua trascrizione, per la quale occorre il certificato di morte e l’atto o dichiarazione di successione. In questo modo si garantisce il rispetto di continuità delle trascrizioni, la banca mutuante e l’acquirente vengono tutelati dall’erede apparente

‚Äč

Dichiarazione di successione

Trattasi di un documento di natura fiscale, che consente il calcolo e il pagamento delle imposte gravanti sul patrimonio del defunto. Quest’ultima deve essere presentata dai chiamati all’eredità entro 12 mesi dall’apertura della successione.

 

Documenti necessari alla vendita immobiliare:

  • Copia del codice fiscale e di un documento identificativo valido

  • Certificato di residenza

  • Permesso di costruire (licenza o concessione)

  • Scheda e certificato catastale dell’immobile

  • Atto di acquisto dell’immobile da parte del defunto

  • Certificazione dello stato matrimoniale patrimoniale (comunione legale o separazione dei beni)

  • Eventuali domande di concessione in sanatoria

  • Attestato di prestazione energetica

  • Regolamento del condominio se l’immobile fa parte di un complesso condominiale

  • Contratto di locazione eventualmente in corso


 

Hai bisogno di una consulenza in campo immobiliare?

Primacasa Immobiliare di Villanova d’Asti è lieta di mettere a tua disposizione la sua esperienza ultra ventennale sul territorio.

Ti invitiamo a contattarci per qualsiasi dubbio o informazione!

 

Primacasa Immobiliare


Credits:

https://it.freepik.com/foto/affari

https://it.freepik.com/foto/affari

https://it.freepik.com/foto/affari

Indietro